Via Larga, 19

Milano si spegne, piano piano, una volta superata piazza San Babila.
È giunta l’ora di prendere un caffè, ma le strade sono deserte e sembra che non ci sia possibilità di fermarsi in un posto piacevole, per continuare a scambiare due parole.

Ad un tratto giunge l’illuminazione (non mia, naturalmente).

California Bakery.

Entro e noto subito una spropositata quantità di dolci.
Penso ad una “double chocolate”, ma il mio cuore non regge l’idea della marmellata al lampone, e dunque ripiego su una coppa di gelato alla crema, ricoperta di panna e piena di brownies. (Molto più leggera, chiaramente…)

Le chiacchiere sono dolci, il tempo scorre veloce, l’affetto è palpabile, le risate continue.
Ad un certo punto, però, la coda dell’occhio mi dice qualcosa.
Faccio finta di non percepire (sono comunque in compagnia di una bellissima fanciulla, va detto).
E però, alla fine, cedo alle avances del mio istinto.

Nomade: ora la fermo e le chiedo se ci si può innamorare delle cameriere, anche se c’è la crisi.
E.: se lo fai, diventi il mio mito.

Ma sì.

Nomade: secondo te, in tempo di crisi, ci si può ancora innamorare delle cameriere?
Cameriera: penso proprio di sì.

Che pirla.

Quei due in Arezzo

Sono lontano dalla mia terra adottiva. Resterò al nord solo per qualche giorno (per evitare la pazzia).
Sono lontano, ma il mio pensiero, comunque, è lì.
Dalle 14, secondo quanto stabilito, la città dovrebbe essere blindata.
Zone rosse, tiratori scelti, documenti alla mano, vie del centro chiuse, divieti di sosta, e altre amenità di questo tipo.
E seicentomila (600000) euro spesi dal comune per l’organizzazione dell’evento.

Il Professorone e il Papa.
Mah.

Non so perché (è da qualche giorno che mi vengono in mente cose e non riesco a spiegarmi quali possano essere le associazioni di idee) ho ripensato alle frasi finali di un’intervista, che un grande uomo rilasciò più di trent’anni fa (e che i mascalzoni di oggi riciclano, apparendo, perlopiù, ridicoli):

Quando si chiedono sacrifici alla gente che lavora ci vuole un grande consenso, una grande credibilità politica e la capacità di colpire esosi e intollerabili privilegi. Se questi elementi non ci sono, l’operazione non può riuscire.

Tutto sta fallendo. E tutto collasserà. Lo spero tanto.

Allegorica-Mente

Decido di ristrutturare, in qualche maniera e in qualche misura, il posto in cui vivi.
Ho paura, perché i tuoi rami sono secchi e malati, e prevedo che l’inverno sarà terribile.

[e non immagini la pena di trovare il tuo cuore-aquilone impigliato tra i rami di un albero spoglio, che spera ancora in un soffio di vento]

Penso “Arriverà il vento, ma arriverà per farci cambiare rotta.”

[Come volevasi dimostrare, inter alia, dato che sono uno stupido che ama farsi prendere per il culo. Vabbè, vabbè.]

Così arriva l’inverno: bastardo, impietoso, gelido.
Ma io ti curo, bello mio, questo fottuto stronzo non avrà ragione, fidati di me.

E aspetto, mentre tutto, sul terrazzino, viene dilaniato dal vento.
[Non lo volevi anche tu, quel vento?]
Aspetto, se non si fosse capito, perché sono sicuro di aver fatto un buon lavoro.

Oggi sei ancora qui, con me, a donarmi quel sorriso verde che richiama i colori dei miei amati poggi.

Continuo a curarti, naturalmente, e ogni volta che ti do da bere, la terra si assesta e le cose vecchie vanno verso il fondo.
Con pazienza cerco di riempire, ogni volta, i vuoti, e so che prima o poi la tua casa sarà di nuovo solida.

E se tu passerai di qua, un giorno, vedrai di nuovo ciò che è nato grazie a te e che io non smetterò mai di curare.
Ma le cose/le case/le chiese/le croci sono ormai luoghi lontani e segni diversi da come li avevamo conosciuti insieme, per sbaglio apposta, più di un secolo fa.

Musica, signori.

Aspetto -> Testata

No, non sto aspettando che qualcuno mi sfasci la testa.

Da più di due anni cercavo l’immagine giusta per questo blog.
Dopo il tramonto di Sauron ed altre amenità, proprio stasera ho guardato uno dei tanti filmoni, che ho perso per strada, degli ultimi anni.
Trattasi di “Natural born killers”. Non mi dite niente.
Sulla scena di Mallory che viaggia da sola in automobile, bè, non ho potuto resistere.
+shift+3 Alea iacta est: ecco l’immagine perfetta per questo blog. No, non sono come Mallory, tranquilli: non ho tutti quei capelli.

Driiin!

“Allora ti è piaciuto il film?”
“Sì, parecchio. A parte la filippica sulla tv e bla bla bla…”
“Vabbè, dai, ma è geniale il fatto che ci siano degli omicidi in diretta, in prima serata…”
“Uhm, sì, d’accordo…”
“Per la maratona de “Il Padrino”? Io questo fine settimana sarò su dai miei”
“Ma vai via perché c’è il papa?!”
“ahahahahahahahahahahah ma figurati! Anzi! Per Benedetto XVI sarei rimasto volentieri ad Arezzo, che dici?! ahahahahahahahahahah”

Buonanotte, gente.