Il suo nome era…

Torno a casa e mi accorgo che la mappa del citofono è stata cambiata.
Qui siamo pochi, poco ci vediamo e poco ci conosciamo, ma almeno sappiamo i nostri nomi.
Così, giusto per non chiamarci usando appellativi strani, tipo “OH!”, oppure “Wè, bastardo!”, oppure ancora “Ciao, zoccola :)!” e cose così.

Torno a casa e mi accorgo che in questo condominio è arrivato un mio omonimo.
Molto strano, vi dirò, dato che l’omonimo in questione dovrebbe abitare nell’appartamento di fianco al mio.
Impossibile: lì c’è Ciro.
Ah, sì? Volete metterla così? Pensate che stia delirando, cari condomini?
Ho deciso, per tutti, che da stasera ci sarà un altro inquilino, in questo edificio.
(Ho finito or è poco di modificare la mappa del citofono).
Ho deciso, dicevo, che da oggi, in questo condominio, ci sarà anche un milanese.
Il suo nome è…

Cerutti Gino.

E se non ci credete, passate da qui, così vi mostro l’opera d’arte e vi offro un caffè.

Annunci

6 thoughts on “Il suo nome era…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...